Cos'è l'offset del termostato?

Se avete avuto a che fare con la regolazione di un termostato è probabile che vi siate imbattuti nell’offset e che vi siate chiesti che cosa sia. Se questo è il caso allora continuate a leggere perché vi spiegheremo con un esempio pratico di cosa si tratta!

Quando regolare l’offset, un caso tipo

Vi è mai capitato di leggere sul termostato una temperatura anche alta, diciamo ad esempio 22 gradi, ma di essere super convinti che non sia possibile, perché certamente nella stanza ce ne sono meno? I più sicuri dell’errore arrivano anche a dotarsi di altri strumenti per misurare la temperatura della stanza e magari scoprono che avevano ragione. Che il termostato sia guasto?

In realtà il più delle volte il problema non sta nel termostato, ma nel luogo dove è stato installato. Capita infatti che le predisposizioni per l’installazione, si trovino a volte in punti detti “infelici”, come possono essere pareti particolarmente fredde (ponti termici), zone esposte a correnti d’aria (vicino a porte o finestre), oppure fonti di calore.

offset termostato punto infelice

In tutti questi casi è normale che la rilevazione della temperatura da parte del termostato sia considerevolmente alterata, in eccesso come in difetto, rispetto a quella effettiva dell’ambiente.

È in questo frangente che risulta utile la possibilità di regolare l’offset.

Questo parametro permette di compensare (dall’inglese offset) la temperatura rilevata dal sensore interno o dalla sonda remota del termostato, in modo da correggere eventuali errori sistematici di lettura dovuti al posizionamento del termostato ambiente in una zona che possa influenzare il corretto funzionamento.