Flessibilità di un analizzatore di emissioni portatile

Meglio un analizzatore di emissioni portatile o in continuo? A seconda dei casi d'uso può essere necessaria la presenza di entrambi. In questo approfondimento vedremo però come la maggior flessibilità e versatilità di un analizzatore portatile consenta interventi di efficientamento e manutenzione più puntuali e tempestivi.

I limiti di un analizzatore di emissioni in continuo

Gli analizzatori in continuo (CEMs: continuous emissions monitors) sono tipicamente delle unità fisse che effettuano misurazioni da un unico punto di campionamento, che solitamente coincide con il camino centrale. In quest’ultimo sono convogliate le emissioni separate che avvengono in altre parti dell’impianto come ad esempio in caldaie, motori, fornaci.

Se l’analizzatore rilevasse una concentrazione di gas al di sopra dei limiti consentiti, sarebbe difficile individuare esattamente quale sia la sorgente dell’emissione.

Il problema quindi è individuare in modo certo e rapido la causa di un calo di performance dell’impianto.

Vantaggi dell’analizzatore di emissioni portatile

Grazie all’analizzatore portatile si possono effettuare misurazioni da tutti i condotti secondari che sono convogliati al camino principale e da qualunque altra fonte di emissione.

In questo senso un analizzatore portatile si rivela più versatile e flessibile rispetto ad uno in continuo, permettendo di individuare velocemente e con maggior precisione le sorgenti di alti valori di emissioni e le inefficienze in termini di performance delle apparecchiature.

Esempi di applicazione

L’uso dell’analizzatore portatile in impianti industriali trova le più svariate applicazioni. Infatti, ovunque vi siano processi che prevedono una combustione, l’analizzatore è un valido alleato per ridurre gli sprechi e massimizzare l’efficienza energetica.

Alcuni esempi di industrie che possono beneficiare di questo strumento sono: impianti di produzione energetica, raffinerie, industrie chimiche, cementifici, zuccherifici, inceneritori, aree minerarie.

utilizzo analizzatore di emissioni portatile in un cementificio
utilizzo analizzatore di emissioni portatile in uno zuccherificio

L’analizzatore di emissioni portatile Seitron per applicazioni industriali

Il Chemist 600 (anche nella sua versione Be Green) permette di combinare fino a 6 sensori di gas. L’analizzatore è dotato di trappola esterna anti-condensa con filtri anti-pulviscolo, pompa di aspirazione e una seconda pompa di diluizione del campione di gas prelevato per consentire misure sino a 100.000 ppm di CO. Permette le misure di temperatura gas, aria esterna, aria ambiente e di pressione positiva, negativa e differenziale.

Scopri l'intera gamma di analizzatori di emissioni Seitron


Scarica la versione PDF del case study: Flessibilità e versatilità di un analizzatore di emissioni portatile